Ripresa del turismo: perché il digitale è importante?

viaggiare-min

Ripresa del turismo: perché il digitale è importante?

Viaggi, vacanze e gite fuori porta erano una volta la normalità: quando si aveva voglia di spostarsi, lo si faceva senza porsi troppi perché.

Ad oggi, per raccontare di queste abitudini, bisogna – almeno temporaneamente – parlare al passato, bloccati in una situazione di pandemia che ha reso gli spostamenti qualcosa di più che difficoltoso. 

Ma come ben si sa, anche le situazioni peggiori hanno una fine: con la prospettiva di avvicinarci sempre di più alla ‘normalità’ ora tanto bramata, anche il turismo è un settore da tutelare e da valorizzare, per non farsi trovare impreparati appena si potrà ripartire. 

Ma com’è possibile riadattare i viaggi e gli spostamenti in un contesto come quello attuale, dove l’ansia da contagio spopola fra i cittadini?

La risposta è una sola: organizzazione. È per questo, infatti, che il digitale si sta rivelando la chiave giusta per proporre ai visitatori delle esperienze da vivere in piena sicurezza, organizzate nel dettaglio e in cui viene fornita una totale assistenza tramite il web. 

Varie le città italiane, tra cui Bologna, che stanno dunque innovando le loro app con l’obiettivo di proporre ai loro stessi cittadini – ma soprattutto ai turisti (per ora italiani, prossimamente anche stranieri) – mappe e itinerari insoliti, che possano dar modo di riscoprire le aree verdi, attualmente di gran lunga preferite agli altri posti proprio in merito ai loro grandi spazi e al ridotto assembramento. 

E se già da tempo le prenotazioni online ‘salta fila’ erano apprezzate, ora diventano insostituibili. Per godere delle attrazioni, è giusto comunque rispettare le regole: oltre le mascherine, anche le distanze rimarranno fondamentali. È anche in queste cose che il web ci aiuta: prenotarsi online è rapido, veloce ma soprattutto ad oggi fondamentale per vivere un’esperienza in sicurezza.

In pieno lockdown, visitare musei e giardini era possibile solo in streaming. Ed anche ora, più che mai, il web continua ad aiutare il turismo in piena regola: l’informazione, la sicurezza e l’organizzazione possono migliorare anche solo attraverso un clic. 

Questo perché il mondo virtuale riesce a puntare gli occhi su più cose contemporaneamente: tramite i siti si offrono servizi, curiosità su eventi, ma anche l’acquisto dei biglietti per le attrazioni. Tutte azioni che, se fatte virtualmente, diminuiscono la possibilità di creare assembramenti nei punti informazioni e tra i negozi.

Si può viaggiare con un clic?

È vero, fare le cose in modo tradizionale è sempre piacevole. Decidere la meta del proprio viaggio, recarsi in un’agenzia, prenotare e partire. Tutte sane abitudini che ora, però, richiedono di essere ridimensionate per tutelare la nostra salute.

È per questo che agenzie e punti informazioni stanno giocando la carta dei ‘social’, utile e capace di arrivare anche a più persone: tutte le notizie e le curiosità potranno comparire sul vostro schermo, aiutandovi così a organizzare il vostro viaggio. 

L’assistenza non manca nemmeno quando è virtuale, così come le curiosità e/o alcune mappe guidate che – via web – potranno essere sempre portate con sé sul proprio smartphone. 

In attesa di riabbracciarci tutti, il web – anche per un rilancio del turismo – ci aiuterà ad avvicinarci a un senso di normalità.