Open Signal Maps e Connessione 5G

open signal

Come ben sappiamo Internet ha ormai catalizzato l’attenzione di tutti, grandi e piccini, al giorno d’oggi nessuno può ormai fare a meno di uno smartphone, di chat, applicazioni, navigatori e chi più ne ha più ne metta, ma per poter utilizzare tutto ciò, l’unica cosa che serve davvero è una connessione stabile, veloce, diffusa il più omogeneamente possibile sul territorio, che ti dia la possibilità di essere connesso in qualsiasi momento, ovunque ti trovi.

Diventa inevitabile allora la ricerca dell’operatore migliore e il dibattito dei diversi utenti su quale sia in grado di garantire i suoi servizi davvero in ogni dove.

E’ così che nasce il progetto Open Signal Maps, indipendente dagli operatori del mondo, quest’applicazione ti mostra quale di essi ha una maggiore copertura in un determinato luogo.
Due sono le tipologie di mappe utilizzate dall’app, nella prima viene mostrato dove sono posizionate le torrette vere e proprie che distribuiscono il segnale 2G, 3G o 4G LTE per vedere a che distanza sono dal punto in cui ti trovi o di tuo interesse, la seconda è come una mappa termica che aiuta a capire la diffusione del segnale stesso sul territorio, quindi l’effettiva copertura.
In Italia ovviamente gli operatori di cui parliamo sono Tre, Wind, Vodafone e Tim, di conseguenza si può scoprire chi tra i 4 prende meglio in 3G o in 2G e se e dove fornisce connessione veloce 4G LTE.

Ma la vera novità tecnologica di quest’anno a cui tutti puntano è lo sviluppo della connessione dati 5G, provata per la prima volta da Vodafone (in Italia) utilizzando la banda di frequenze 3.7-3.8 GHz, messa a disposizione dal Mise, essa permetterà di raggiungere velocità inimmaginabili di download.
Promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico darà la possibilità di scaricare file di grandi dimensioni come i film in pochi secondi; sembra infatti che abbia raggiunto velocità di download superiori a 2,7 Gigabit al secondo, con latenza di poco superiore al millisecondo.

Il debutto di questa meraviglia è previsto e atteso con ansia a livello mondiale per il 2020.
Sperando che oltre ad un servizio impeccabile possa posizionare l’Italia un pochino più in alto nel “Rapporto sullo Stato di Internet” di Akamai, società con server in grado di gestire miliardi di interazioni via internet, che ci ha messo al 54° posto nel mondo per velocità di connessione internet con 8,2Mbps, ben lontani dai 26,3Mbps della prima in classifica, la Corea del Sud.

Copyright Sphaera